Bari 25 Giugno 2013

Fresh Flaneurs

Il 25 giugno alle ore 19 la galleria Doppelgaenger – Bari, con il patrocinio del Comune di Bari, presenta la retrospettiva Fresh Flâneurs dedicata alle recenti evoluzioni della street art, con 108, El Tono, Hell'O'Monster, Ozmo, SAM III e Sten&Lex; i sei artisti invitati si sono confrontati sia con gli spazi della galleria che con alcuni luoghi della città. Il frutto di questo lavoro non è solo una mostra tradizionale, ma un fitto programma di residenze prodotte dalla galleria da maggio a giugno.
La street art è un fenomeno artistico contemporaneo che, nel corso dell'ultimo decennio, ha saputo imporsi all'attenzione delle istituzioni museali, delle università, dell'editoria e del mercato dell'arte.
In questo panorama Doppelgaenger ha voluto affiancare all'esposizione in galleria un progetto di arte urbana insieme al Comune di Bari, invitando artisti nazionali ed internazionali a riqualificare con le proprie opere alcune aree della città.
Questo appuntamento è un primo passo che con il tempo consentirà a Bari di vantare un parco di opere murali a cielo aperto, dal forte impatto sociale e turistico.
Uno dei tratti più rappresentativi di Fresh Flâneurs è la varietà della sua offerta artistica: la mostra ha l’obiettivo di portare a Bari una testimonianza significativa ed eterogenea degli stili e delle tecniche che hanno caratterizzato l’arte urbana nell’ultimo decennio.
La retrospettiva vedrà gli interventi su alcuni muri della città e su alcuni muri di galleria degli artisti italiani Sten & Lex , Ozmo e 108, dello spagnolo SAM III , del francese El Tono e del trio belga Hell’O’Monsters
Tutti vantano mostre personali e collettive in gallerie internazionali, nonché la partecipazione ai festival di street art più noti al mondo. Per tutti loro è la prima volta a Bari.
Il 9 luglio si terrà una tavola rotonda sulla street art con la partecipazione di: Claudia Attimonelli, sociosemiologa, docente all’ Università di Bari e al Polimoda di Firenze; Pietro Marino, critico d’arte; Christian Omodeo, ricercatore indipendente e cofondatore de Le Grand Jeu; Vittorio Parisi, dottorando all'Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne, storico e critico d’arte galleria Doppelgaenger; Vincenzo V. Susca, professore di Sociologia dell'immaginario all'Università Paul-Valéry di Montpellier e cofondatore con con M. Dandrieux della rivista Les Cahiers européens de l’Imaginaire.