Roma 27 Marzo 2014

Clemens Behr per Avanguardie Urbane

Sembra di essere tornati agli anni Trenta di Mario Sironi affrescatore alla Sapienza o di Enrico Prampolini mosaicista all'Eur. Dopo il muralismo è l'ora della street art. Il writer lascia i palazzi abbandonati e lavora, su commissione, per quelli pubblici. Poco importa se si tratta di edifici costruiti da un bel pezzo. Il 27enne street artist tedesco Clemens Behr, 27 anni, da Coblenza, ha da pochi giorni finito la decorazione della facciata del palazzo dell'Atac che guarda il nuovo ponte della Garbatella. Il suo lavoro inaugura Avanguardie Urbane Roma Street Art Festival 2014, kermesse ideata dalle associazioni 999Contemporary e Roma e curata da Stefano Santucci Antonelli.

Il festival porterà a Roma, da marzo a luglio, oltre 30 street artist internazionali e italiani. Si comincia alla fermata della metro Garbatella, con l'opera astratto-geometrica di Behr. Il Festival culminerà con due grandi eventi realizzati in collaborazione con Roma Capitale e Macro: una conferenza internazionale sul futuro panorama visivo delle città, presso la sede museale di via Nizza, e una mostra,  gratuita, al Macro Future di Testaccio che da giugno ad agosto vedrà protagonisti i più importanti writer francesi e italiani.

Felice dei colori e delle forme ideati da Behr è l'ad di Atac Danilo Broggi. "Il connubio fra trasporto pubblico e arte di strada può rivelarsi un asset straordinario per il servizio che svolgiamo - ha detto il manager -. Due mondi così diversi possono parlare con una voce unica su tematiche di grande importanza sociale, come il rispetto dei beni pubblici e la loro difesa dagli atti vandalici".

Fonte
banner_creativita_urbana
banner dothewriting