Ancona 12 Gennaio 2014

concorso di idee

Se ad Ancona già qualcosa si era cominciato a muovere con i murales sui silos e sui pescherecci, il concorso di idee dedicato alla street art si preannuncia una grande occasione per riqualificare la città.  Le opere di arte muraria potrebbero addirittura divenire il carattere distintivo del capoluogo dorico, si potrebbe arrivare anche a creare una mappa.„Ancona: i murales per migliorare la città, il bando sulla street art di A2OVenerdì pomeriggio alla Mole Vanvitelliana, è stato presentato davanti a molti giovani e writers, il bando realizzato dal Comune di Ancona e dall’associazione A2O. Il progetto prevede che vengano realizzate opere di street art su due murate situate una in centro ed una in periferia. Si tratta del muro in Piazzale Michelangelo, lunghezza 50 metri, e del muro in via Sacripanti, 150 metri. "Abbiamo preso spunto da iniziative messe in atto in altre città. Con questo bando sulla street art, piano piano vorremmo trasformare Ancona per renderla migliore. I murales sono da intendere come dei moderni affreschi. C’è la ricerca del bello" afferma Matteo Bilei, presidente A2O. Durante la presentazione del concorso di idee, è uno dei più conosciuti writer anconetani a prendere la parola: Luca Forlani, in arte Blast. "Sono stato catapultato in questo mondo negli anni ’80. Ho cominciato a vedere i murales viaggiando nelle grandi capitali europee. Ancona è stata un fulcro per i writers, centro di convention. Sono contento di vedere che nella tristezza della città ci sia ancora qualcosa che possa differenziarla dalle altre ma per quanto riguarda il bando, io il writing l’ho sempre visto come qualcosa di illegale. Il graffito oggi si fonde con la street art, per me invece non sono la stessa cosa".

 

Visita il sito ufficiale e scarica il bando

banner_creativita_urbana
banner dothewriting