Crispiano 26 Luglio 2013

Mostrartè (VI edizione)

Grazie alla pittura, alla fotografia, a libri e street art, ecco il weekend di Mostrartè, il trionfo dell’arte nella villa comunale di CrispianoNel fine settimana (26, 27 e 28 luglio) va in scena a Crispiano la sesta edizione di Mostrartè, l’evento culturale organizzato dall’associazione Adhara con la collaborazione di una decina di altri soggetti e associazioni. Anche quest’anno la location scelta è stata la villa comunale “G. Falcone” che nei prossimi giorni si trasformerà diventando una vetrina dell’arte in tutte le sue forme.Corposo e variegato il programma messo in piedi dagli organizzatori per la tre giorni di iniziative (ogni giorno dalle 18 alle 24). La manifestazione sarà apertà venerdì pomeriggio, alle 18, dalla parata della banda municipale Città di Crispiano. A seguire ci sarà un cantastorie (a cura del Circo Laboratorio Nomade), un monologo teatrale, la presentazione del libro “Lo sbaglio” (Rizzoli) di Flavia Piccinni (a cura della libreria AmicoLibro e di Volta la carta) e uno spettacolo musicale con il Tania Pugliese Trio. Sabato, invece, il programma si apre alle 19.30 con la presentazione della graphic novel “Nostra Madre Renata Fonte” con gli autori Ilaria Ferramosca e Gian Marco De Francisco (il libro, come quello del giorno prima, sarà presentato dal giornalista Vincenzo Parabita); subito dopo sarà il momento del workshop di fumetto tenuto dalla scuola Grafite, poi spazio alle favole e ai giochi di fuoco dei ragazzi del Circo Laboratorio Nomade e alla musica dei Trifolk. Domenica sera, dalle 20, oltre alla premiazione allieteranno la serata finale ancora gli artisti della scuola di circo crispianese Circo Laboratorio Nomade. A fare da cornice a questa serie di iniziative, ci sarà il punto fermo della manifestazione, l’esposizione-concorso di pittura e fotografia. Una quarantina gli iscritti a partecipare, per un totale di circa 200 opere in esposizione. Inoltre, solo nella serata di sabato, sarà possibile ammirare le opere dell’artista crispianese Antonio Santoro.La grande novità di questa edizione di Mostrartè è sicuramente l’arrivo a Crispiano da tutta la regione di 22 writers (coordinati dall’associazione Acheronte) che con i loro graffiti decoreranno il muro di cinta del campo sportivo di via Quasimodo. L’associazione ha ricevuto il permesso dall’amministrazione comunale per rendere più vivo e colorato un muro di 130 metri per tre di altezza. Anche gli alunni della scuola primaria “P. Mancini” e gli utenti del Centro Diurno Basaglia contribuiranno a rendere più bella la villa comunale, avendo realizzato delle simpatiche barche di carta che andranno a completare la scenografia. Nella struttura comunale in quei giorni sarà presente anche un mercatino dell’artigianato, mentre il ponte Falcone vedrà all’opera quattro ragazzi crispianesi che si esibiranno in un’opera di street art andando a disegnare sul manto del ponte. Il circolo Arci, invece, metterà in scena un gioco di foto con colori in un gazebo allestito in un angolo della villa. Media partner dell’evento è la testata giornalistica Volta la carta.Insomma ce n’è per tutti i gusti, mai come quest’anno il cartellone di eventi culturali di Mostrartè è così ricco. La scorsa estate, nelle tre serate, si contarono migliaia di persone provenienti da ogni angolo della regione. Il presidente dell’associazione Adhara, Michele Di Cesare, ci tiene a precisare che, nonostante la tanta “carne a cuocere” si tratta di “un evento a costo zero per la comunità crispianese. Un grazie va all’amministrazione comunale, in modo particolare al nuovo assessore alla Cultura Giuseppe Delfino, e al consigliere regionale Francesco Laddomada che ci sostengono e credono nell’evento”. Il patron di Mostrartè continua nei necessari ringraziamenti: “Oltre a tutte le associazioni che ci hanno dato una mano per metter su il programma di iniziative, voglio ringraziare alcuni sponsor come Altre Visioni di Gianni Giacovelli, Travel Buy Crispiano e Pizzolei Ferramenta, così come la dirigente scolastica Anna Sgobbio per la sua disponibilità”.Michele Di Cesare spende poi due parole sull’associazione da lui presieduta: “Stiamo crescendo sempre più. A settembre cominceremo dei nuovi corsi, come quello avanzato di fotografia. I corsi per noi sono importanti, ci permettono di organizzare un evento come Mostrartè e, soprattutto, sono sinonimo di aggregazione. Adhara è diventata un punto di riferimento nella provincia per quanto riguarda tutto ciò che è arte”. Infine un appello all’amministrazione comunale: “Abbiamo già ringraziato il Comune per la vicinanza. Per il futuro non chiediamo contributi economici perchè sappiamo che la situazione è drammatica, bensì gli spazi. Ne abbiamo assoluto bisogno”.


banner_creativita_urbana
banner dothewriting